Milano Chamber Orchestra

Verdi, Manzoni, Hayez

Liberamente ispirato a “Ritratto di Alessandro Manzoni” di F.Hayez

VERDI, MANZONI, HAYEZ

concerto lirico

MILANO CHAMBER ORCHESTRA


Katerina Kotsou – soprano

Oreste Cosimo – tenore

Gabriele Nani – baritono

Michele Spotti – direttore

 

Tre artisti, accomunati dallo stesso fuoco, dagli stessi ideali. Erano amici, si conoscevano, si frequentavano. Manzoni, persona molto schiva, è stato ritratto in modo mirabile da Hayez che, a sua volta si è ispirato ai suoi scritti come «Carmagnola» (la storia del capitano di ventura al servizio della Repubblica Veneta che dà il via al romanticismo in letteratura) e i «Promessi sposi». Verdi si avvaleva della consulenza di Hayez, docente a Brera dal 1823 al 1880, per la messinscena dei suoi melodrammi.
Un esaltante confronto tra pittura e musica giocato spesso sugli stessi temi, come «I due Foscari», «I Lombardi», i «Vespri siciliani », titoli di opere verdiane che hanno ispirato alcuni quadri di Hayez.

ORCHESTRA
1- Nabucco ouverture
2- I due Foscari, dal più remoto esilio, si lo sento iddio mi chiama
3- Aria Nabucco: anch’io dischiuso un giorno
4- Attila, tregua ecco gli unni, dagli immortali vertici
5- I Lombardi alla prima Crociata, Variazioni per violino obbligato e Orchestra
6-Rigoletto, La donna è mobile

PAUSA

7-Vespri Siciliani ouverture
8-Verdi – Ernani, ”Gran Dio! Oh de’verd’anni miei
9- Trovatore: Tacea la notte placida
10- Vespri Siciliani, L’Estate
11- I Lombardi, La mia Letizia Infondere
12- Rigoletto, Cortigiani, vil razza dannata
13- Vespri Siciliani, Mercè dilette amiche
14- TERZETTO TROVATORE: Tace la notte.. di geloso amor sprezzato